STUDIO FENICE

Consulenza e formazione in materia di sicurezza e ambiente

Lo Studio Fenice si occupa di Sicurezza e Formazione nei luoghi di lavoro e di gestione Ambientale.

  • Il decennio attuale ha portato grandi difficoltà economiche e commerciali alle aziende italiane.
    Oltre alla crisi economica, un’azienda deve far fronte a uno scenario normativo non da poco e in continuo mutamento.
    Temi come la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, la Formazione in materia di Sicurezza, Corsi abilitativi e la gestione Ambientale sono oramai parte fondamentale di ogni realtà aziendale.

  • Affidarsi a dei consulenti seri e preparati diventa quindi sempre più importante, non solo per evitare pesanti sanzioni!

  • Studio Fenice è composto da tecnici che seguono i principali settori Normativi di cui le Aziende hanno bisogno: un unico riferimento per aver un servizio completo.
    Inoltre, grazie a Bandi e a Incentivi per le Imprese il costo per tali Servizi può essere abbattuto.

  • Il nostro Lavoro è quello di semplificare il vostro Lavoro.

CHI SIAMO


COME LAVORIAMO

  • Precisi. Efficaci. Efficienti. Puntuali. Queste sono alcune delle caratteristiche del Team Fenice.

  • Lo Studio Fenice è coordinato da 3 responsabili altamente specializzati nel loro settore professionale. Cerchiamo sempre di mettere impegno e passione in ogni lavoro e in ogni consulenza, di essere sempre aggiornati e pronti per ogni modifica normativa.

I NOSTRI SERVIZI

  • SICUREZZA

  • Lavoriamo per rendere gli ambienti di lavoro più sicuri e più salubri e di conseguenza più produttivi a vantaggio sia delle aziende che dei lavoratori.

  • Promuoviamo una cultura della prevenzione del rischio volta a migliorare le condizioni di lavoro sviluppando informazioni, analizzando situazioni in modo da accrescere nelle conoscenze in materia di sicurezza e salute sul lavoro.

  • La collaborazione e la partecipazione di tutti può portare allo sviluppo di una cultura di prevenzione dei rischi e garantire a tutti un benessere sostenibile.

  • AMBIENTE

  • Il rispetto dell’Ambiente non è solo un obbligo normativo (D. Lgs 152/2006 e s.m.i.).

  • La qualità di un’azienda si traduce anche nell’impatto che essa ha sull’Ambiente.

  • La corretta gestione dei Rifiuti, delle Emissioni in Atmosfera, delle Acque sono tra i temi centrali nel grande progetto dell’Unione Europea per proteggere la natura e salvaguardare la salute e la qualità della vita delle persone.

  • La "crescita verde" comporta lo sviluppo di politiche integrate volte a promuovere un quadro ambientale sostenibile e ha bisogno del contributo di tutti.

  • La natura è il sistema che sorregge la vita, perciò dobbiamo prendercene cura.

  • FORMAZIONE

  • Dimmi e io dimentico, mostrami e io ricordo, coinvolgimi e io imparo. (Benjamin Franklin)

  • Chiunque smetta di imparare è vecchio, sia che abbia venti o ottant’anni. Chiunque continua ad imparare resta giovane. La più grande cosa nella vita è mantenere la propria mente giovane. (Henry Ford)

  • L’apprendimento è un tesoro che seguirà il suo proprietario.

  • Formare alla sicurezza significa suscitare consapevolezza e coscienza, dare i mezzi necessari perché questo avvenga in modo attivo e costruttivo a tutti i livelli aziendali.

NOVITÀ 2018
Nuovo Regolamento Privacy (UE 2016/679)
Consulenza, Documenti, Formazione

FAQ

Chiunque abbia un lavoratore o ad esso equiparato e/o abbia un luogo di lavoro con macchine-attrezzature-impianti.
Lo Studio Fenice vi aiuterà nel compilare la lettera di disdetta da inviare all’attuale consulente in modo da non avere successive spiacevoli incomprensioni.
Lo Studio Fenice, prima di preparare qualsiasi preventivo, esegue un sopralluogo con un proprio tecnico e in funzione delle esigenze dell’azienda nel rispetto delle normative vigenti prepara un programma di interventi con relativo preventivo personalizzato.
E’ in parte vero, ma si dovrà valutare sempre la realtà aziendale e i possibili rischi specifici associati; per rispettare quanto previsto dalla normativa in materia di salute e sicurezza l’azienda è tenuta a valutare tutti i rischi e se misurabili eseguire una valutazione specifica; inoltre, sempre in funzione del tipo di attività si dovranno programmare corsi specifici per l’uso di particolari attrezzature, programmare visite mediche di idoneità, ecc.
La normativa ambientale mi obbliga a denunciare e quindi ad autorizzare l’impianto all’amministrazione provinciale competente e poi in funzione a quanto prescritto dall’amministrazione provinciale dovrò attenermi alle loro prescrizioni; ogni tipologia di emissione in ambiente esterno da ciclo produttivo industriale dovrà sempre essere denunciata agli organi di competenza.
I rifiuti prodotti dalle aziende derivanti dalle lavorazioni devono essere gestiti secondo quanto previsto dalla normativa vigente e in particolare: tutti devono avere il registro carico/scarico vidimato deve viene trascritto il quantitativo prodotto di rifiuto (per tipologia), il quantitativo smaltito/recuperato da terzi dimostrabile tramite formulario; poi in funzione alla dimensione dell’azienda e al tipo di rifiuto, la normativa impone che ci si iscriva al SISTRI, che l’azienda faccia le analisi del rifiuto e/o sia soggetta al MUD.
Il lavoratore autonomo, che lavora da solo senza altri lavoratori, deve rispettare quanto previsto dall’art. 21 e art. 26 del D. Lgs. 81/2008 e smi e quindi utilizzare le attrezzature idonee, avere i corsi di formazione specifici e avere la tessera di riconoscimento, avere nella visura i codici ATECO attività corrispondenti alle effettive lavorazioni, essere in regola con l’INAIL e l’INPS, ecc.
Quindi non avrà bisogno di un DVR completo ma sicuramente di un Documento di Valutazione che tenga conto della sua realtà lavorativa.
Il Titolo IV prevede che nei cantieri temporanei e mobili, dove abbiamo più imprese anche non contemporaneamente, sia nominato un coordinatore in fase di progettazione (CSP) che redige il PSC (piano di sicurezza e coordinamento), sia nominato un coordinatore in fase di esecuzione (CSE) che segue tutto il cantiere durante l’evoluzione dello stesso dal punto di vista della sicurezza.
Ogni impresa presente in cantiere deve rispondere a quanto previsto dal Titolo IV tra cui la stesura del POS (piano operativo di sicurezza).

Contattaci

Per maggiori informazioni o ricevere o la nostra brochure scriveteci

Messaggio inviato

Messaggio non inviato